Educazione e Pedagogia Temi

L’educazione è un terreno scabroso

“Non è raro che l’educazione venga confusa con una serie di norme che definiscano cosa è o non è morale, ancor peggio con quello che “sentiamo” come giusto si dà trasmetterlo o consigliarlo al prossimo.

L’educazione ha più a che fare con l’esercizio e la pratica, intendendo per pratica non solo l’operare concreto ma anche quella fase che la precede e che la segue, e che altro non è, che lo studio e la meditazione intesa come contemplazione e sviluppo del pensiero e del progetto educativo.”

Se, come ha detto qualcuno, “siamo anime in cammino” su questa dimensione terrena, non dobbiamo perdere l’occasione, nonostante possano esserci fuori di noi, situazioni che tendono a reprimere lo spirito, a silurare il bello e le buone azioni, si dà incanalarci nella paura e nelle paludi della rassegnazione.

Restare radicati, in terra e in cielo, è ciò che può permettere all’anima di non venire divelta dalle tempeste della vita personale e sociale, è ciò che ci aiuta a nutrirci di buona intenzione, verbo e realizzazione dei doni affidatici.

La pratica pedagogica altro non è che prestare attenzione al flusso continuo della crescita interiore, coltivando i semi in modo che il raccolto sia un entusiasmante sostentamento per i cicli a seguire.

Un invito al viaggio, affinché il panorama ci ispiri, ma non intacchi le nostre radici.

Potrebbe interessarti anche